Archivi tag: Teatro

I calzini a righe di Onegin

Onegin sul sofà. Li vedete i calzini? Li vedete?

Onegin è un gatto che sornione si avviluppa al sofà e srotola le lunghe gambe. Calzini a righe rosse e nere fanno capolino tra l’orlo dei pantaloni grigi e i mocassini. Dandy o hipster è l’uomo che tutte le donne sognano. Quello che ammazza il marito perfetto. Uno che corteggia per noia e per voglia di vivere insieme. Uno che si prende sul serio con ironia e supponenza. In mezzo a queste contraddizioni che io lessi adolescente nel romanzo in versi di Puskin, ho trovato interessante e istruttiva la versione teatrale, “Onegin Commentaries” di Alvis Hermanis, andata in scena ieri a Modena, in prima nazionale, al Teatro Storchi nel primo giorno di apertura di Vie Festival 2013Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Palcoscenico

Primavera Pranzo Parco

Pranzo TBC 2Il 23 marzo a primavera abbiamo organizzato un pranzo comunitario. Sono arrivati i vecchietti della Residenza comunale del quartiere con la loro scorta di operatori e infermieri e i pasti sul carrello. Si sono aggiunti alcuni detenuti della Casa Circondariale di Castelfranco Emilia con le famiglie in un pomeriggio di libera uscita con le guardie in borghese. C’eravamo noi tra teatranti, amici, cittadini, ammiratori, bambini e famiglie.

Io ho preparato la focaccia barese e una torta al cioccolato. C’era poi un cous cous egiziano da sogno preparato dalla mamma di un abitante del quartiere che mi ha detto che “in Egitto gli uomini non cucinano”, ma poi ha sorvegliato il piatto decorato per essere sicuro di riportarlo alla genitrice.

C’erano anche Giampiero e Hossein del Teatro Valle Occupato che ci hanno raccontato cosa significa “bene comune” e del loro percorso, iniziato il 14 giugno 2011, per riappropriarsi di uno spazio storico che rischiava di chiudere per sempre. “Un’azione non legale, ma legittima come da articolo 43 della Costituzione che dice che i cittadini possono reclamare gli spazi pubblici quando questi non possano più essere gestiti dallo Stato”.

C’era anche Bader, 13 anni di Casablanca, con il suo amico Venceslao, stessa età nato in Moldavia, che una sera si sono affacciati a vedere uno spettacolo nel Teatro del quartiere e si sono affezionati.

Quando si mangia e si condivide si sta sempre bene, anche se non c’era il sole e la primavera si è solo intravista. Quando poi si è uniti da un progetto culturale, si sta ancora meglio.

Il 23 marzo, a primavera, in un parco di Modena all’ora di pranzo è nato Teatro Bene Comune

Lascia un commento

Archiviato in Palcoscenico

Con la cultura non si mangia?

Lo studio per il nuovo spettacolo di Artediparte dedicato al lavoro

Ma soprattutto, se con la cultura non si mangia perché tanto soffrire?

Il 12 settembre ho moderato un dibattito dal suggestivo titolo di “Ma andate a lavorare…” alla Festa del PD di Modena. Platea con 40-45 persone per un parterre di relatori giovane e quasi sconosciuto. Fuori diluviava e la festa si andava spopolando, quindi i motivi di tanto successo possono essere due: il tema interessantissimo o il fatto che fossimo in una delle uniche sale asciutte e al chiuso.  Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Off topic, Palcoscenico