Archivi tag: Teatro dei Venti

[Dopo il sisma] Un “Draaago” a Finale Emilia e la Festa della Sfogliata

In una città che ha paura arriva un eroe che sconfigge il Draago tiranno e fa alzare la testa ai suoi abitanti. Una storia semplice, allegorica, ispirata a “Il Drago” di Evgenij Schwarz. Il testo è ambientato nel tempo delle fiabe, ma per il filosofo sovietico, si trattava di un’allegoria del regime, della paura e della sottomissione.

“Il Draaago” va in scena il 9 dicembre a Finale Emilia e vedrà cimentarsi sui trampoli e nelle coreografie gli attori del Teatro dei Venti, il Centro per la Ricerca Teatrale di Modena che ho contribuito a fondare nel 2005.

[Anche per questo, votatemi su Grazia.it ]

Continua a leggere

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Palcoscenico

Ricordi lungo il Danubio

Le prove dello spettacolo del Teatro dei Venti. Sullo sfondo la stella rossa posta sull'argine del Danubio a Bačka Palanka

Leggo su BBC News che la Serbia è ufficialmente candidata a membro dell’Unione Europea.  Come sottolinea l’articolo, si tratta di un processo lungo più di dieci anni in cui hanno dovuto modificare le proprie leggi per adattarle agli standard europei e dimostrare l’impegno verso il rispetto dei diritti umani.

Io in Serbia ci sono stata nel 2006 grazie ad Arci Modena con il Teatro dei Venti. Siamo partiti in 16 con camper, pullmino e macchina. Pieni di vestiti di scena, strumenti musicali e idee un po’ confuse. Nel conflitto che ha portato alla dissoluzione dell’Ex Jugoslavia, la Serbia ha recitato sui media la parte del “cattivo” e arrivando lì mi immaginavo un paese arretrato dove portare uno spettacolo teatrale poteva essere un’esperienza che avrebbe cambiato la gente e arricchito i cuori.

In parte è stato, così. In parte ci hanno accusato di satanismo (ve lo racconto un’altra volta). In parte mi sono ricreduta.

Anche a dicembre scorso parlando con Luca Leone dei suoi libri dedicati alla Bosnia è sorta una bella discussione con il pubblico su cosa si pensa della Serbia e cosa è reale. L’integralismo è sempre una minima parte del sentire comune di una popolazione e, anche in questo caso, la parte che prende il sopravvento quando ti trovi in crisi. Purtroppo, nell’immaginario collettivo i serbi erano etichettati come i “cattivi”. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Off topic