Archivi tag: Modena

Ma come funziona Evernote?

La FGDmo del 7 giugno nello spazio +10 Design

La FGDmo del 7 giugno nello spazio +10 Design

Questa domanda aleggiava sulla Food Geek Dinner modenese del 7 giugno. Perché non si è trattato solo di una cena a tema a cui partecipavano i blogger con la fissa del food, ma Francesca “La Gonzy” Gonzales e  Mariachiara “Maricler”Montera , organizzatrici degli eventi lungo la penisola, hanno avuto la geniale idea di abbinare al cibo anche un momento ludico. Per partecipare dovevi usare l’app Evernote Food e seguire gli indizi di una caccia al tesoro.

Però, sarà perchè presa dalle chiacchiere off line con simpatiche conoscenze on line a cui finalmente ho abbinato volto e colore preferito di smalto, mi sono totalmente dimenticata di dare sfogo allo spirito competitivo. Peccato perchè in premio c’erano le creazioni ceramiche di Ilaria.I e non mi sarebbe dispiaciuto portare a casa qualcosa. Continua a leggere

Annunci

1 Commento

Archiviato in comunicazione e cucina, Personaggi

I calzini a righe di Onegin

Onegin sul sofà. Li vedete i calzini? Li vedete?

Onegin è un gatto che sornione si avviluppa al sofà e srotola le lunghe gambe. Calzini a righe rosse e nere fanno capolino tra l’orlo dei pantaloni grigi e i mocassini. Dandy o hipster è l’uomo che tutte le donne sognano. Quello che ammazza il marito perfetto. Uno che corteggia per noia e per voglia di vivere insieme. Uno che si prende sul serio con ironia e supponenza. In mezzo a queste contraddizioni che io lessi adolescente nel romanzo in versi di Puskin, ho trovato interessante e istruttiva la versione teatrale, “Onegin Commentaries” di Alvis Hermanis, andata in scena ieri a Modena, in prima nazionale, al Teatro Storchi nel primo giorno di apertura di Vie Festival 2013Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Palcoscenico

Giudicare il vino dall’Etichetta. Fabio Bonetti per Alepa

Fabio Bonetti, artista modenese classe'81

Fabio Bonetti, artista modenese classe’81

Fabio Bonetti era con me quando nel 2005 a Modena è nato il Teatro dei Venti. Lui ha raccontato per qualche tempo la storia di quello spazio culturale illustrando manifesti e flyer. Oggi Fabio ha esposto in giro per il mondo e dal 2008 si occupa della direzione generale del festival internazionale di musica elettronica e live media NODE. Ho scoperto da poco che ha anche illustrato due nuove etichette per Privo (Pallagrello Bianco e Campania Rosso) dell’azienda vinicola casertana Alepa che sarà tra gli espositori di Vinitaly a Verona fino al 10 aprile (Padiglione B/stand 20).

Non potevo esimermi dal fargli qualche domanda. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Personaggi

Primavera Pranzo Parco

Pranzo TBC 2Il 23 marzo a primavera abbiamo organizzato un pranzo comunitario. Sono arrivati i vecchietti della Residenza comunale del quartiere con la loro scorta di operatori e infermieri e i pasti sul carrello. Si sono aggiunti alcuni detenuti della Casa Circondariale di Castelfranco Emilia con le famiglie in un pomeriggio di libera uscita con le guardie in borghese. C’eravamo noi tra teatranti, amici, cittadini, ammiratori, bambini e famiglie.

Io ho preparato la focaccia barese e una torta al cioccolato. C’era poi un cous cous egiziano da sogno preparato dalla mamma di un abitante del quartiere che mi ha detto che “in Egitto gli uomini non cucinano”, ma poi ha sorvegliato il piatto decorato per essere sicuro di riportarlo alla genitrice.

C’erano anche Giampiero e Hossein del Teatro Valle Occupato che ci hanno raccontato cosa significa “bene comune” e del loro percorso, iniziato il 14 giugno 2011, per riappropriarsi di uno spazio storico che rischiava di chiudere per sempre. “Un’azione non legale, ma legittima come da articolo 43 della Costituzione che dice che i cittadini possono reclamare gli spazi pubblici quando questi non possano più essere gestiti dallo Stato”.

C’era anche Bader, 13 anni di Casablanca, con il suo amico Venceslao, stessa età nato in Moldavia, che una sera si sono affacciati a vedere uno spettacolo nel Teatro del quartiere e si sono affezionati.

Quando si mangia e si condivide si sta sempre bene, anche se non c’era il sole e la primavera si è solo intravista. Quando poi si è uniti da un progetto culturale, si sta ancora meglio.

Il 23 marzo, a primavera, in un parco di Modena all’ora di pranzo è nato Teatro Bene Comune

Lascia un commento

Archiviato in Palcoscenico

Festeggiamo il coraggio dei papà

Il papà di Giovanni non c’è più e la sua famiglia è stata costretta a inventarsi una nuova vita.

Questo è un modo di vedere la cosa.

Il papà di Giovanni è stato ucciso dalla ‘Ndrangheta e la sua famiglia è stata costretta a lasciare la Calabria e a trasferirsi al Nord.

Questo è un altro modo di descriverla.

Oggi si parla dell’amore per i papà e dei sacrifici che compiono per i propri figli. Il 19 marzo è molto vicino al 21 marzo che non è l’inizio della primavera, ma la Giornata Nazionale della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime delle mafie. E Giovanni Tizian sarà ospite al circolo Arci Vibra di Modena per presentare il suo nuovo libro “La nostra Guerra non è mai finita” edito da Mondadori.

Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Personaggi

Three Imaginary Boys (+1)

Jerome is a former visual artist, Laurent jokes about his resemblance to Al Pacino and Filippo captivates everyone who listen to him talk about wines. This magnificent trio has arrived in Faenza on March 2 and 3 for the second episode of 2013 Postrivoro, our route for “gastropellegrini” in Italy.

Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Personaggi, Postrivoro

Three Imaginary Boys (+1)

Jerome è un ex pittore, Laurent scherza sulla sua somiglianza con Al Pacino e Filippo fa innamorare chiunque lo senta parlare. Questo magnifico trio é arrivato a Faenza il 2 e 3 marzo per la seconda puntata del 2013 di Postrivoro, itinerario per gastropellegrini affamati di storie.  Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Personaggi, Postrivoro