Archivi tag: Dissapore

Cuoco, pesce, nudità. La copertina di GQ con Carlo Cracco

https://i1.wp.com/www.dissapore.com/wp-content/uploads/Copertina-GQ-con-Carlo-Cracco.jpg[Ricordati di votarmi su Grazia.it, possibilmente ogni giorno:) ]

Bella discussione in rete sull’ultima copertina di GQ dedicata allo chef Carlo Cracco. Per chi non lo conoscesse lui è anche uno dei personaggi evocati dal libro “Lo chef è un Dio” di  Ilaria Bellantoni.

In quel libro emergeva molto bene il testosterone dominante nel mondo della cucina. Non riconducibile a Cracco, che a me dal vivo ha fatto un’ottima impressione, ma al fatto che sia un mondo in cui la brigata di cucina assomigli più ad una ciurma di pirati che ad una squadra di pallanuoto. I motivi sono tanti, gli orari, lo stress quotidiano, la scarica di adrenalina dopo il servizio, la ricerca della perfezione a tutti i costi. Ogni brigata è diversa, ma quando ti ci trovi in mezzo è inconfondibile l’odore di testosterone. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Spocchia time!

Fatti e numeri su Postrivoro

Vi riassumo qualche dato interessante sul primo Postrivoro. “Per dare il senso dell’iniziativa” come si direbbe in politichese.

Momenti di affetto a Postrivoro. Taka abbraccia Massimo Bottura intento a testare l'olio extravergine d'oliva prodotto dal nostro Mao

9.654.807 foglioline di 12 varietà diverse di erbe aromatiche pulite in un pomeriggio dallo staff di cucina (Taka si è beccato tutte le maledizioni di questo mondo)

64 i Giga di schede di memoria che abbiamo riempito tra foto e video

60 le chiavi di plexiglass con il logo di Postrivoro realizzate da Gianluca Continua a leggere

3 commenti

Archiviato in Liste, Postrivoro

Calcando le scene di Postrivoro

La distesa della tovaglia per creare il tavolo "imperiale" da 20 posti - Foto di Enrico Caldesi

Il 3 e 4 marzo a Faenza si è svolto il primo Postrivoro, evento saltuario e immaginario per gastropellegrini con la jam session di Takahiko Kondo in cucina e Lorenzo Rondinelli in sala. Non mi dilungo sulla recensione enogastronomica perchè ci ha pensato oggi la bravissima Cinzia Benzi su Identità Golose e ogni confronto non reggerebbe.

Però ho avuto modo di riflettere su molte cose in queste 36 ore di sodalizio con gli altri ragazzi dell’associazione Raw Magna e, soprattutto, grazie al contatto con il pubblico e tutti quelli che hanno ruotato attorno all’iniziativa. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Palcoscenico, Postrivoro