Archivi tag: Chelsea

Sleepless in New York. Lo spettacolo teatrale che non dovreste perdere

ph by Robin Roemer Photography

ph by Robin Roemer Photography

“Sleep shall neither night nor day
Hang upon his pent-house lid”

Macbeth, Atto 1 scena 3

Se una notte d’inverno un viaggiatore entrasse al Mc Kittrick Hotel di New York, vi troverebbe senza dubbio un castello di destini incrociati in cui potere, ambizione e tradimento si avvicendano in cinque piani di stanze, corridoi, salotti. Io ero il viaggiatore ed era inverno nelle strade di Chelsea quando ho varcato quella soglia e ho indossato la maschera. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Palcoscenico

El Anatsui. Rubbish for Gods in New York City

L'installazione realizzata dall'artista ghanese per la High Line di Chelsea

L’installazione realizzata dall’artista ghanese per la High Line di Chelsea

[Se ti piace questo post, votami su Grazia.it ]

Back from a journey I always feel enriched: this is a big truth.  I have to thank New York for many things, but above all for making me discover El Anatsui, great artist from Ghana born in 1944.
We were hanging around on the High Line in Chelsea, a splendid example of  social and artistic renovation, when just after a bend a wall of glossy and rusty metals appeared . The cloudy sky reflected in it and I could not tell if it was a decaying building or a new architectural element that was coming out of its cocoon.
Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Off topic

[Fate attenzione a dove buttate i tappi] Il meraviglioso mondo di El Anatsui

L'installazione realizzata dall'artista ghanese per la High Line di Chelsea

L’installazione realizzata dall’artista ghanese per la High Line di Chelsea

 

[Se ti piace questo post, votami su Grazia.it ]

Che si torni da un viaggio sempre arricchiti è una grande verità. Devo ringraziare New York per molte cose, ma soprattutto per avermi fatto scoprire El Anatsui, splendido artista ghanese classe ’44.

Giravamo sulla High Line a Chelsea, splendido esempio di riconversione di infrastrutture in luoghi di socialità e arte, e dietro una curva si è aperta una parete di metalli lucidi e opachi. Il cielo nuvolo vi si rispecchiava e io non riuscivo a capire se fosse un edificio in decomposizione oppure un nuovo elemento architettonico che stesse uscendo dal proprio bozzolo. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Off topic