I calzini a righe di Onegin

Onegin sul sofà. Li vedete i calzini? Li vedete?

Onegin è un gatto che sornione si avviluppa al sofà e srotola le lunghe gambe. Calzini a righe rosse e nere fanno capolino tra l’orlo dei pantaloni grigi e i mocassini. Dandy o hipster è l’uomo che tutte le donne sognano. Quello che ammazza il marito perfetto. Uno che corteggia per noia e per voglia di vivere insieme. Uno che si prende sul serio con ironia e supponenza. In mezzo a queste contraddizioni che io lessi adolescente nel romanzo in versi di Puskin, ho trovato interessante e istruttiva la versione teatrale, “Onegin Commentaries” di Alvis Hermanis, andata in scena ieri a Modena, in prima nazionale, al Teatro Storchi nel primo giorno di apertura di Vie Festival 2013

Peccato per la traduzione simultanea dal lettone con traduttrice monocorde, ma pare fosse richiesta dal regista lettone. Forse per non distrarre dalla messa in scena decadente e “russa”: ingombra di oggetti e personaggi in bilico su sofà e secretaire, alcuni appesi alle librerie. Attori superbi e con una presenza scenica disarmante. I fiori secchi, simbolo della tristezza del cuore e della delusione d’amore, che mi ricordano “Le Signorine di Wilko” di qualche anno fa e che, forse, potevano essere messi da qualche altra parte invece che sotto a letti e sofà. Arredamenti su cui si stiracchiano i protagonisti con sensualità mista a goffaggine. E di ognuno ricorderai qualcosa: i piedi nudi di Tatiana, l’avambraccio di Olga, il naso perfetto di Lenskji, i calzini a righe e l’insolenza da adorabile farabutto di Onegin, l’alter ego scimmiesco di Pushkin dal capello arruffato e le basette imperiose.

Una storia d’amore di sospiri, fraintendimenti e duelli circondata da un commentario socio antropologico che suggerisco a tutti di andare a vedere.

Fossimo stati in quel tempo, vi avrei abbinate tartine di caviale e salmone e un buon champagne tanto per fare i nobili aristocratici in pelliccia d’orso. Perchè a teatro non si può più mangiare?

Lascia un commento

Archiviato in Palcoscenico

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...