Postrivoro – Against the Machine – 2×01

Postrivoro Hard Rocking Sunday. Listening to Rage Against the Machine. Playlist di Fabio Busi!

Postrivoro Hard Rocking Sunday. Listening to Rage Against the Machine. Playlist di Fabio Busi!

“But now you do what they told ya
Well now you do what they told ya”

Domenica in cucina si alzano i volumi. Avanzano sfogliatelle e panna cotta. I bicchieri tintinnano e le posate pure.

La seconda stagione di Postrivoro è iniziata il 2 e 3 febbraio a Faenza con il menù equilibrato e confortevole di Giuseppe Di Martino, l’eleganza dei vini scelti da Francesco Falcone e una miscela speciale di caffè presentata da Nik Orosi. Perchè allora tutto questo Hard Rock nel cuore, nelle orecchie e nelle mani?

Innanzitutto, perchè faceva freddo e sabato sera siamo stati sorpresi dalla tormenta di neve. Entrare e uscire da sala e cucina per il servizio è stata una prova per veri duri. A questo si è aggiunta un’improvvisa notte in albergo perché non riuscivamo a raggiungere il nostro tetto. Una roba da vere rockstar! Non ero mai andata in un hotel all’una del mattino chiedendo una stanza.

Poi perchè eravamo in tanti dietro le quinte e la maestria dei nostri ospiti ci ha lasciati la possibilità di goderci la

The Doctor is IN. Yoji Tokuyoshi, resident chef di Postrivoro, fa il secondo di Giuseppe Di Martino

The Doctor is IN. Yoji Tokuyoshi, resident chef di Postrivoro, fa il secondo di Giuseppe Di Martino

cena del sabato e il pranzo della domenica (riuscendo anche ad assaggiare qualche piatto e un paio di abbinamenti). Si sono avvicendati vecchi e nuovi volti. E’ tornata Marina Bersani, l’ostessa dell’ultimo evento del 2012, che aveva prenotato il posto a sedere, ma non riusciva a stare ferma e ci ha aiutati ad allestire la sala. Abbiamo avuto l’aiuto di Valerio, Giovanni e Chiara che hanno armeggiato con piatti e posate. Sara Fantoni del Bar Schiavoni di Modena si è dedicata ad impiattare e ha osservato con una pazienza da monaco buddista l’enorme treccia di mozzarella di bufala che non poteva assaggiare a causa della sua allergia (una forza di volontà encomiabile visto che ha detto di no pure alle sfogliatelle).

Infine, perché si respirava il Sud che, diciamocelo, è molto Hard Rock. Giuseppe Di Martino, lo chef, è un giovanissimo giramondo che cucina in una torre medievale  sulla costiera Amalfitana che è molto più vecchia del continente americano. Francesco Falcone è pugliese, vive a Cervia (nella rockeggiante Romagna, quindi) e oltre al vino ama il cinema tanto che quando si è presentato abbiamo parlato subito di Django e Fassbender. Ma i dettagli saranno un nostro segreto. Ha portato un vino, Il Capoposto, che sa della terra da dove vengo. Dei campi polverosi in cui cresce il grano. “Un vino che non sembra del Sud”. Ma ne ha il profumo e il cuore.

Nik Orosi e Francesco Falcone ubbidiscono ai miei ordini. Ogni tanto essere una delle poche donne della crew ha dei piacevoli risvolti:)

Nik Orosi e Francesco Falcone ubbidiscono ai miei ordini. Ogni tanto essere una delle poche donne della crew ha dei piacevoli risvolti:)

Quando si sta per compiere un anno è quasi ovvio guardarsi indietro e accorgersi di essere cambiati. Postrivoro, è un’esperienza che si nutre di storie ed esseri umani. Nella casa di Baba Yaga si entra e si lascia sempre qualcosa in cambio della conoscenza. Qualcuno direbbe “Magic always comes with a price” e probabilmente il prezzo sono il volume alto, il rumore, la stanchezza, le ginocchia che scricchiolano “mentre salti sul palco”. In cambio, la certezza di aver innescato un cambiamento, di aver rotto qualche schema per arrivare ad un’esperienza nuova.

Ecco il menù completo di abbinamento vini del Postrivoro che si è svegliato il 2 febbraio per riaddormentarsi la sera del 3 febbraio. Con Giuseppe Di Martino, Francesco Falcone e Nik Orosi.

Menù
Treccia di mozzarella di bufala e salsiccia di mora romagnola
Totani e patate
Triglia croccante con variazione di bietole
Risotto con cernia, arancia e germogli di broccoli
Paccheri con lumachine di mare e pomodori del Vesuvio
Trancio di pescato con centrifuga di erbe aromatiche, kefir, e profumo di limone
Piccione, crema di topinambur e composta di rabarbaro
Pannacotta, amarene, biscotto di mais al finocchietto marino
Vini
Franciacorta saten 2008 Enrico Gatti
Orvieto terre vinatae 2011 Palazzone
Santa Maddalena classico 2011 Georg Ramoser
Negroamaro Capotosto 2009 Alberto Longo
Sangiovese di Romagna sup. ris. vigna del generale 2008 Nicolucci
Ghemme Cantalupo 2005 Antichi vigneti di Cantalupo
Albana di Romagna passito riserva 2010 Villa Papiano
Fiano di Avellino 2011 di Pietracupa
 Caffè
 Espresso, miscela proveniente da Cuba
P.S. La citazione è da Killing in the name of dei Rage Against the Machine, che probabilmente gli esperti definirebbero un gruppo musicale alternative metal/rapcore. Ma perdonatemi la licenza poetica. Il Postrivoro di questo week end mi ha ricordato un loro concerto qui a Modena nel 2008.
Giuseppe Di Martino e Davide direttamente dalla Torre del Saracino alla cucina di Postrivoro

Giuseppe Di Martino e Davide direttamente dalla Torre del Saracino alla cucina di Postrivoro. Foto di Andrea Basti

I paccheri! Foto di Andrea Basti

I paccheri! Foto di Andrea Basti

Alcuni dei vini selezionati da Francesco Falcone

Alcuni dei vini selezionati da Francesco Falcone. Foto di Andrea Basti

4 commenti

Archiviato in Personaggi, Postrivoro

4 risposte a “Postrivoro – Against the Machine – 2×01

  1. leggere mozzarella e mora romagnola, a me, mi commuove. non è italiano corretto? lo scrivo in dialetto. fata maraveja, assai! riuscirò a esserci. anche solo per aiutare a lavare i piatti.

  2. sogno un prossimo postrivoro senza/con poco pesce.. potrete mai guardarmi benevoli?…. 😦 …

    • Ciao Eliana, gli chef hanno libera scelta e i menù li sappiamo una settimana prima circa. Per loro è l’occasione di provare e sperimentare fuori dal ristorante. Diciamo che a Postrivoro si fa un salto nel buio😉

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...