“Because the night…”

I maialetti di Alfredo

“Per Natale ho comprato del maiale. Sai di quelli allevati allo stado brado che trotterellano felici e si nutrono di ghiande e castagne”
“Dai! Dov’è?”
“Mi deve arrivare. Sono 30kg di maialetto di pochi mesi”

Questo discorso è avvenuto l’anno scorso. Il pacco è arrivato da Orvieto, dall’azienda Urbe Vetus, gestita dal meraviglio Alfredo, un vero e proprio signore di campagna. Uno di quelli che ti dà del lei e che ti telefona per sapere se è andato tutto bene e se la carne e i salumi ti sono piaciuti.

Quando è arrivato il pacco, mio marito ha passato circa tre ore a “smontarlo” come dice lui. Cioè armato di coltellacci affilati ha dissezionato il nostro caro maialetto e ha generato pacchi e sottopacchi da congelare o conservare in frigo per il consumo immediato. Il tutto di notte, da bravo Mr Hide.

Perchè la notte non appartiene solo agli amanti, ma anche ai cuochi, sommelier, camerieri. Altro che dj come diceva Jovanotti. Se vedete gente che si aggira di martedì dopo mezzanotte alla ricerca di un locale, allora state osservando la migrazione di una qualche brigata di cucina che deve smaltire l’adrenalina del servizio.

Per cuochi e personale di sala dei grandi ristoranti ogni pranzo o cena è come calcare il palcoscenico. Ogni piatto deve uscire perfetto, consegnato perfettamente, incastonato perfettamente sul tavolo. Non c’è possibilità di replay o playback è come uno spettacolo teatrale. Qui ed ora. Così, non c’è da stupirsi se, come gli artisti e tutto il popolo della notte, li vediate migrare alla ricerca di un posto dove rilassarsi dopo essere stati in scena.

Per questo, anche, è difficile tenersi un cuoco in cattività in casa. Per quanto mi riguarda ho cercato spesso di aspettarlo sveglia per intavolare una conversazione, ma la lotta era impari.

Per la cronaca, smontare un “pacco” come quello di Alfredo non crea nessun problema al coniuge. Diverso è il caso in cui si debba montare un pacco dell’Ikea. Il vero maestro della brugola in casa sono io!

Lascia un commento

Archiviato in NON ricette, Vita con lo chef

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...